associazione per la cultura e le tecnologie dell'ambiente e della sicurezza
» Home » Ambiente
Altri contenuti

Montpellier, 22-25 marzo: Festival International du Film Spot d'Environnement - 'De l'eau propre pour un monde saine'
Perugia, 14-16 aprile: Perugia 2010 - Local Solutions for Change
Roma, 13-14 aprile: Ecopolis - Premio Impresa Ambiente
Saint Casimir, 16-25 aprile: Festival de Films de Portneuf sur l'Environnement

I giochi olimpici sono sempre un momento di grande impegno per gli atleti e di grande coinvolgimento per il pubblico di tutto il mondo ma sono indubbiamente anche un momento di grande consumo energetico. Per questo il Canada, in occasione dei Giochi Olimpici Invernali e delle Paraolimpiadi 2010 ha voluto affrontare il problema con l'obiettivo di lasciare un'eredità importante anche per gli organizzatori dei giochi futuri.
Le energie alternative al petrolio nell'ambito dei trasporti sono ormai una realtà concreta come si è potuto vedere al Salone Internazionale dell'Auto di Ginevra, svoltosi dal 4 al 14marzo, che ha voluto dedicare a tali veicoli un'intera sezione raggruppando, presso il 'Pavillon Vert', l'avvenire dell'auto ovvero i modelli elettrici, ibridi, ad idrogeno e a gas naturale. Modelli ormai se non già in produzione o addirittura in commercio, prossimi ad esserlo e che presentano soluzioni assolutamente concrete provenienti non soltanto dalle grandi case automobilistiche ma anche da imprese più piccole ma ad altissima specializzazione.

Abbiamo parlato molto in questi mesi di auto elettrica e del suo funzionamento ma certamente i dubbi più diffusi su queste nuove metodologie riguardano essenzialmente la ricarica. Ovviamente bisogna tenere conto che l'auto elettrica potrà essere del tutto una realtà soltanto nelle nazioni i cui governi investiranno per la costruzione di un'efficiente rete di ricarica. Si può solamente pensare ad una diffusione delle automobili a benzina paragonabile a quella attuale senza una rete di distribuzione capillare come quella esistente?

Nuovi accordi nel mondo dell'auto elettrica prospettano nuovi scenari in perenne evoluzione. E' recentissima per esempio la firma di alcune lettere di intenzione tra Peugeot e alcune tra le più importanti società ed enti operanti nel settore della mobilità in Europa per una distribuzione della IoN, la vettura elettrica da città che Peugeot commercializzerà a partire da ottobre prossimo. Le lettere di intenzione sono state siglate con Veolia, Greenwheels ed EVA.

È stato un percorso lungo un quarto di secolo quello che ha portato Pittsburgh ad essere classificata nel 2008 come 'città in cui si vive meglio' da The Economist e poi ad essere seconda nella graduatoria delle città ideali 'dove crescere i propri figli', secondo Business Week. Sebbene tali graduatorie, redatte periodicamente da giornali di tutto il mondo, siano un punto di vista relativo e spesso contestabile, di certo a Pittsburgh qualcosa è cambiato, qualcosa di fortemente percettibile.

Dare spazio alla nuova mobilità, riprogettando le città in funzione di un'urbanistica e di possibilità di spostamento capaci di rispettare la qualità della vita e le esigenze dei residenti al tempo stesso. E' in questa direzione che si indirizza il progetto EVA, Electric Vehicles for Advanced Cities, un consorzio che vuole porsi come luogo di sviluppo di buone pratiche, di ricerca e di confronto tra realtà diverse promosso dalla Commissione Europea.

Anziché costruire le città in campagna, come proponeva Alphonse Allais, perché non inverdire le città? Certamente sarebbe stato più proficuo costruire le città lasciando spazio al verde evitando di sprecare decenni a sostenere, solo a parole, che bisognerebbe rinverdirle. Ma le scelte avventate del passato impongono oggi un giro di boa e di trovare effettive soluzioni a politiche urbanistiche dissennate.

Il mese di dicembre, in contrasto con il clima esterno, ha portato il clima caldissimo del COP 15, United Nations Climate Change Conference, che si tiene a Copenhagen in questi giorni. Gli argomenti sul tavolo della conferenza sono tanti ma alla loro base il problema fondamentale è solo uno: il riscaldamento climatico d'origine antropica. Ovvero l'impatto umano sull'incremento dell'effetto serra e sulla velocizzazione dello scioglimento dei ghiacciai. Per riuscire a comprendere bene i dibattiti e gli argomenti presentati sui giornali e nei telegiornali è bene fare un veloce riassunto del problema.
Un paese tranquillo, di cui si parla davvero poco e che è capace di essere l'ottavo paese industrializzato al mondo che detiene il primato di produrre beni con basse emissioni di gas serra ricorrendo prevalentemente alle energie rinnovabili.
Ma da dove viene un simile primato e come lo si ottiene?
NEWSLETTER
Vuoi ricevere le nostre mail?